Istituto Comprensivo di Ponte dell'Olio
Home page - Cerca - Mappa
Indice del sito

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
DISPOSIZIONI GENERALI
ORGANIZZAZIONE
CONSULENTI E COLLABORATORI
PERSONALE
BANDI DI CONCORSO
PERFORMANCE
ENTI CONTROLLATI
ATTIVITA' E PROCEDIMENTI
PROVVEDIMENTI
CONTROLLI SULLE IMPRESE
BANDI DI GARA E CONTRATTI
SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, VANTAGGI ECONOMICI
BILANCI
BENI IMMOBILI E GESTIONE PATRIMONIO
CONTROLLI E RILIEVI SULL'AMMINISTRAZIONE
SERVIZI EROGATI
PAGAMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE
OPERE PUBBLICHE
PIANIFICAZIONE E GOVERNO DEL TERRITORIO
IMFORMAZIONI AMBIENTALI
STRUTTURE SANITARIE PRIVATE ACCREDITATE
INTERVENTI STRAORDINARI E DI EMERGENZA
ALTRI CONTENUTI
INFORMAZIONI GENERALI
I plessi
Staff
Organi di governo della scuola
Regolamento per la frequenza degli alunni
Sicurezza
NOTE LEGALI
Note legali
PRIVACY
Privacy
SITI TEMATICI
Elenco siti tematici
DIDATTICA
Principi generali
POF-Piano Offerta Formativa
La valutazione del P.O.F.
La valutazione degli alunni
L'orientamento
L'integrazione
La continuitą
La formazione e l'aggiornamento
Viaggi di Istruzione
PROGETTI DI ATTUAZIONE DELL'AUTONOMIA
AREA GENITORI
Iscrizioni alunni e modulistica varia
Libri di testo 2013/2014
Calendario scolastico
Avvisi
BILANCIO
Bilancio Preventivo
Consuntivo
Programma annuale (ex bilancio)
AREA DOCENTI
UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO
Dirigenza e Direzione
La Segreteria
Contatti Segreteria
Come fare per
Decertificazione e semplificaz. amm.va
Modulistica
Coordinate bancarie


LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI
Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

La valutazione degli alunni, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi cognitivi, è orientativa e sarà preceduta da opportune prove di controllo/verifica effettuate nell’ambito degli specifici settori di apprendimento/insegnamento e sarà strettamente collegata alla programmazione educativa e didattica.

I Consigli di classe e Interclasse studieranno sistemi di riferimento il più possibile omogenei sia per elaborare le prove di verifica, sia per stabilire criteri di valutazione condivisi.

Gli strumenti di verifica saranno rappresentati da:

- questionari

- prove soggettive /oggettive

- prove pratiche

- test oggettivi

-colloqui con gli alunni (interrogazioni),

che saranno opportunamente integrati da osservazioni sistematiche significative.

I risultati delle verifiche periodiche saranno utilizzati ai fini della valutazione quadrimestrale per gli opportuni adeguamenti, oltre che per eventuali interventi di recupero e di sostegno.

La valutazione globale terrà conto della situazione di partenza, delle reali capacità dell’alunno, dell’impegno dimostrato e dell’efficacia dell’azione formativa, considerate le condizioni ambientali, fisiche e psichiche.

La valutazione del processo formativo risponde alla finalità di far conoscere:

-          all’alunno, in ogni momento, la sua posizione nei confronti degli obiettivi prefissati;

-          ai docenti l’efficacia delle strategie adottate per eventualmente adeguare le metodologie di insegnamento,

-          alla famiglia per certificare i livelli conseguiti in funzione di abilità/capacità, conoscenze, comportamenti.

 

MODALITA’ DI VALUTAZIONE

 

La valutazione si articola secondo 3 fasi fondamentali:

 

1^ FASE   (sett.- ott.) :       - Somministrazione delle PROVE D’INGRESSO                                                                          

                                               - Compilazione del modello  “situazione di partenza e interventi programmati”    

                                              

2^ FASE  (1° quadr.)         - Somministrazione delle PROVE DISCIPLINARI di verifica orale e scritta;                                              - Compilazione della scheda personale di valutazione relativa al 1° quadrimestre

                                              

 

3^ FASE (2° quadr.)        - Somministrazione delle prove disciplinari di verifica orale e scritta;

- Compilazione della scheda personale di valutazione relativa al 2° quadrimestre

                                              

 

Nell’ambito del sistema di valutazione degli alunni, a livello d’Istituto, vengono utilizzati i giudizi di valutazione sottoindicati con la relativa specificazione del significato valutativo e delle prestazioni attese.

 

 

GIUDIZIO SINTETICO

 

SIGNIFICATO VALUTATIVO

Comportamento cognitivo-attività elaborativi-stabilità-condizioni di prestazioni.

 

OTTIMO

Pieno e completo raggiungimento di tutti gli obiettivi

Abilità, concetti e procedimenti stabili, trasferiti in qualsiasi situazione di apprendimento.

 

DISTINTO

Raggiungimento soddisfacente degli obiettivi

Abilità, concetti e procedimenti acquisiti in modo stabile.

 

BUONO

Buono raggiungimento degli obiettivi

Abilità e procedimenti acquisiti.

 

SUFFICIENTE

 

Raggiungimento essenziale degli obiettivi.

 

Abilità essenziali acquisite, ma non stabili.

 

NON SUFFICIENTE

Parziale o mancato raggiungimento degli obiettivi minimi.

 

Poche abilità acquisite.

 

Modello di scheda di valutazione in decimi secondo la Riforma Gelmini

 

 

SIGNIFICATO

VALUTATIVO

 

10

Pieno e completo raggiungimento di tutti gli obiettivi.

 

9

Completo raggiungimento degli obiettivi.

 

8

Complessivo raggiungimento degli obiettivi.

 

7

Discreto raggiungimento degli obiettivi.

 

6

Essenziale raggiungimento degli obiettivi.

 

5

Parziale o mancato raggiungimento degli obiettivi

Mancato raggiungimento degli obiettivi.

(Secondaria Inferiore)

4

Mancato raggiungimento degli obiettivi

Solo per la Secondaria Inferiore

*

 

 

L’espressione dei voti in decimi (giudizi sintetici disciplinari) tiene conto, oltre che del grado di apprendimento delle conoscenze-abilità anche dei seguenti ulteriori criteri:

   - l’impegno manifestato dall’alunno;

   - grado di progresso registrato rispetto alla situazione di partenza

   - livello di prestazione raggiunta rispetto alle potenzialità personali. 

      

Limitatamente ai casi di mancato raggiungimento della maggior parte degli obiettivi, l’équipe pedagogica di classe (composta dai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività educative e didattiche previste dai piani di studio personalizzati) può prendere in esame una decisione di non ammissione alla classe / periodo successivi (secondo le disposizioni impartite con la C.M. n° 85/2004); a questo proposito si sottolinea che la ripetenza deve essere interpretata non come una punizione, ma come un’ulteriore opportunità offerta all’alunno per raggiungere gli obiettivi che si ritiene egli possa raggiungere.

Ai fini della valutazione viene preso in considerazione anche il comportamento.

 

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

 

10

Ø      Interesse e partecipazione attiva alle lezioni.

Ø      Regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche.

Ø      Rispetto degli altri e dell’istituzione scolastica.

Ø      Ruolo propositivo all’interno della classe.

Ø      Scrupoloso rispetto del regolamento scolastico.

9

Ø      Buona partecipazione alle lezioni.

Ø      Costante adempimento dei doveri scolastici.

Ø      Equilibrio nei rapporti interdisciplinari.

Ø      Rispetto delle norme disciplinari d’istituto.

Ø      Partecipazione collaborativa nel gruppo classe.

8

Ø      Attenzione e partecipazione discontinuoa alle attività scolastiche.

Ø      Svolgimento non sempre puntuale dei compiti assegnati.

Ø      Disturbo del regolare svolgimento delle lezioni.

Ø      Partecipazione poco collaborativa nel gruppo classe.

7

Ø      Scarsa atenzione e partecipazione alle attività scolastiche.

Ø      Svolgimento discontinuo dei compiti.

Ø      Rapporti conflittuali con gli altri.

Ø      Frequente disturbo delle attività solastiche.

Ø      Note sul registro e riferite alla famiglia.

6

Ø      Disinteresse per le attività scolastiche.

Ø      Svolgimento occasionale dei compiti.

Ø      Rapporti problematici con gli altri.

Ø      Costante e voluto disturbo dell’attività didattica.

Ø      Note sul registro, riferite alla famiglia e al Consiglio di Classe.

5

Ø      Completo disinteresse per le attività scolastiche.

Ø      Comportamento scorretto nel rapporto con gli altri.

Ø      Assiduo disturbo delle lezioni.

Ø      Ripetuti episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico e di comprovata gravità.

Ø      Note sul registro, riferite alla famiglia e la Consiglio di Classe.

 

 


AREA EDUCATIVA

SCUOLA SECONDARIA

SCUOLA PRIMARIA

 

Ø       partecipazione alle attività scolastiche

Ø       impegno

Ø       rispetto delle regole

Ø       autonomia nell’acquisizione del sapere (metodo di studio)

Ø       autonomia nel saper fare (metodo di lavoro; organizzazione; ..)

Ø       autovalutazione e capacità di scelta

Ø        

Ø       partecipazione alle attività scolastiche

Ø       collaborazione

Ø       rispetto delle regole/comportamento con i compagni e con gli adulti

Ø       Impegno

Ø       Attenzione

Ø       Rispetto delle consegne

Ø       Autonomia

 

AREA COGNITIVA

SCUOLA SECONDARIA

SCUOLA PRIMARIA

Abilità tecniche

Ø       ascolto

Ø       lettura e comprensione                         

Ø       Espressione nei diversi linguaggi verbali e non verbali

Ø       Ascolto

Ø       Applicazione delle tecniche

Ø       Capacità di operare collegamenti

Ø       Capacità di esprimersi correttamente

Abilità logiche

Ø       Osservazione / analisi / riflessione/

Ø       Applicazione / valutazione / sintesi

 

Il quadro relativo alla valutazione globale della scheda di valutazione viene compilato alla fine del primo e del secondo quadrimestre, prende in considerazione ancora gli stessi parametri mettendo in evidenza la capacità di autovalutazione, di effettuare scelte responsabili (orientamento), l’autonomia , i progressi o i regressi avvenuti nei vari ambiti.

 

 

a)       La funzione di coordinamento delle attività educative e didattiche, poste in essere dai docenti dell’équipe per la Scuola Primaria, sarà garantita, analogamente a quanto già avviene per la scuola secondaria, da un docente per classe che, in diretto rapporto con il D.S., fungerà da REFERENTE per :

-          La costruzione degli strumenti per la raccolta delle informazioni e per la documentazione del percorso formativo dei singoli alunni (P.S.P.);

-          L’ideazione e la realizzazione dei percorsi formativi interdisciplinari;

-          La compilazione degli strumenti di progettazione ( programmazione di classe / team, piano di lavoro del singolo docente, unità di apprendimento) e del portfolio dei singoli alunni;

-          La definizione degli aspetti organizzativi del lavoro comune sulla classe (orari / attività, uscite didattiche / viaggi di istruzione, partecipazione a progetti / manifestazioni, ecc.);

-          Il coordinamento degli incontri, con i colleghi che operano nella stessa classe, di consultazione, decisione, programmazione, … ( tempi, spazi, circolazione dei materiali, incontri con equipe psico-pedagogica per gli alunni disabili, ecc. );

Assumerà inoltre la presidenza dei Consigli di Classe (nella Scuola Secondaria di I grado) in caso di assenza del D.S.; la presidenza dei Consigli di Interclasse (scuola Primaria) sarà affidata ai Docenti individuati dal Collegio dei Docenti.

 

 

 

 

 


Data di creazione: 07/01/2003
Data di modifica: 07/12/2012
 
powered by
Allegati alla pagina
QUADRO DEGLI APPRENDIMENTI DISCIPLINARI


Informazioni sulla scuola

Vai ai Forum
 
Istituto Comprensivo di Ponte dell'Olio - Via F. Acerbi, 61 Ponte dell'Olio 29028 PC - 0523/875122